Spiaggia delle Tombe: tra mare e macchia mediterranea

spiaggia delle TombeL’isola d’Elba sconosciuta è fatta di luoghi poco frequentati, scorci e panorami che solitamente restano fuori dai tradizionali percorsi turistici, località piccole e pittoresche. Ed è fatta anche di spiagge nascoste, poco accessibili, ma proprio per questo ancora più belle. Come la cosiddetta spiaggia delle Tombe.

Il nome è forse inquietante ma non deve intimorire. Deriva dalla presenza di alcune tombe etrusche che si trovano nelle vicinanze della spiaggia. Una giornata di relax sulla spiaggia delle Tombe potrebbe anche essere l’occasione per visitarle e scoprire un altro aspetto poco conosciuto dell’isola d’Elba.

Dalla storia di passa alla natura. Quella delle Tombe è una spiaggia di ridotte dimensioni, fatta di piccoli sassolini. Il mare, inutile dirlo, è pulitissimo, e assolutamente trasparente. Sulla spiaggia non è presente alcun tipo di servizio. In altre parole, questa è una delle spiagge più selvagge e incontaminate dell’intera isola. Ideale per immergersi completamente nella natura, per allontanarsi dalla modernità, e per praticare un po’ di snorkeling.

Per raggiungere le spiaggia delle Tombe c’è un bel cammino da fare (e questo la rende poco adatta in occasione di una vacanza con i bambini). Provenendo da Marina di Campo, bisogna superare Cavoli, Seccheto e Fetovaia. Seguendo le indicazioni stradali, si arriva al km 16 della strada provinciale 25. Da qui parte un sentiero in discesa di circa 10 minuti attraverso i profumi e i colori del mare e della macchia mediterranea.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/fotofior

Articoli correlati