San Lorenzo 2017 a Portoferraio: un tuffo nello splendido mare dell’Elba

San Lorenzo 2017 isola d’Elba

La notte delle stelle cadenti. Tra le più suggestive dell’anno: il cielo punteggiato di luci bianche, la brezza del mare, un po’ di buona compagnia… È così che immaginate di trascorrere la notte di San Lorenzo 2017? Allora la destinazione che fa al caso vostro è Portoferraio.

Ecco perché. E come trascorrere la giornata.

 

Aspettando le stelle cadenti

Prima dello spettacolo delle stelle cadenti, avete un’intera giornata a disposizione per scoprire le tante bellezze del principale centro abitato dell’isola d’Elba. In particolare, a Portoferraio in un giorno è possibile vedere:

  • Il centro storico. Camminare per le sue viuzze sarà come immergersi in un’atmosfera dove il tempo sembra essersi fermato, sempre accompagnati dai profumi del mare.
  • La casa di Napoleone. Per la precisione, è villa dei Mulini, la residenza cittadina del Primo imperatore francese durante il suo esilio all’isola d’Elba.
  • Le fortezze medicee. Costruite a partire dal 1548 da Cosimo de’ Medici, sono un imponente sistema di fortificazioni che rappresentava la principale difesa della città.

Tanto camminare vi avrà sicuramente messo appetito. Nel centro storico di Portoferraio, non mancano accoglienti ristorantini dove potrete fermarvi e assaggiare i piatti tipici dell’isola d’Elba, come stoccafisso alla riese, gurguglione e cacciucco.

E qui potreste obiettare: possibile che non ci sia nessuna spiaggia tra le cose da vedere? Per questo, dovete aspettare la sera.

 

La notte di San Lorenzo

La spiaggia delle Ghiaie è una delle più belle spiagge dell’isola d’Elba. Lunga circa 170 metri, di sabbia bianca e dal mare blu e turchese, si trova a poca distanza dal centro di Portoferraio e, infatti, è comodamente raggiungibile a piedi. Tra l’altro, secondo una leggenda, qui approdarono gli Argonauti.

Ed è qui che, quando il sole sarà calato e le stelle cadenti cominceranno a solcare il cielo, ci s’incontrerà per un tuffo in mare tutti insieme.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/haplm

Articoli correlati