Escursione al romitorio di San Cerbone, sull’isola d’Elba

San Cerbone isola d'ElbaUn itinerario attraverso la natura e la storia. Un percorso che porta verso un antico edificio religioso che sorge sui monti e circondato da un fitto bosco di castagni. E potrebbe anche essere una buona idea per chi vuole praticare il trekking sull’isola d’Elba. Si tratta dell’escursione verso il romitorio di San Cerbone: la località omonima si trova a metà strada tra i paesi di Marciana e Poggio, a un’altitudine di circa 530 metri.

Un romitorio è, per definizione, un luogo dove gli eremiti vivono dedicandosi alla preghiera e alla penitenza. La storia del luogo è peculiare. Sembra che San Cerbone per sfuggire alle incursioni dei longobardi avesse trovato rifugio in una piccola grotta del monte Capanne, che da allora è stata ribattezzata Grotta del santo.

Il primo nucleo della chiesa sarebbe poi sorto proprio nella zona dove il santo trovò rifugio. Anche se la prima citazione ufficiale del romitorio risale comunque al XV secolo circa. Da allora il romitorio è stato abitato fino al XIX secolo da eremiti laici.

Dopo essere sbarcati da uno dei traghetti per l’isola d’Elba, per arrivare al romitorio di San Cerbone il consiglio è quello di raggiungere il borgo medievale di Marciana. Dalla chiesa parrocchiale di Santa Caterina bisogna poi inoltrarsi nel bosco di castagni dopo aver attraversato la porta medievale di Lorena.

Ed è immerso in questo bosco di castagni che il visitatore potrò trovare il romitorio di San Cerbone. Poco distante si può trovare anche la grotta dove il santo si sarebbe rifugiato. Per coprire l’intero percorso il visitatore dovrebbe impiegare quaranta minuti circa.

C’è anche un’altra strada per arrivare al romitorio di San Cerbone: si tratta di un sentiero sterrato che parte dalla strada dalla provinciale Marciana-Poggio (per la precisione il sentiero parte nei pressi del cimitero di Poggio). Il percorso in questo caso si snoda totalmente sotto i castagneti, e per percorrerlo ci vogliono 30-40 minuti circa.

Il percorso è facile e piacevole. Ma bisogna comunque essere prudenti e soprattutto controllare bene il percorso prima di partire.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/robsettantasei

Articoli correlati