L’isola d’Elba da scoprire: ci sono 5 posti che in pochi conoscono

isola d’Elba da scoprire

Impossibile non innamorarsi dell’isola d’Elba fin dalla prima volta: le spiagge, i piccoli paesi, le escursioni, il mare, la storia, la cucina… E quando credete di aver scoperto tutto, ecco che l’Elba riesce a sorprendervi ancora una volta.

 

1. Borgo al Cotone

Questa sorta di viaggio per scoprire i posti meno conosciuti dell’Elba comincia da Marciana Marina. A poca distanza si trova un autentico gioiello. Borgo al Cotone è un piccolo agglomerato di casette che sorge in una minuscola insenatura naturale protetta da un grande scoglio di granito. Qui attraccano le tipiche barche dei pescatori e i panni vengono stesi attraversano i vicoli da finestra a finestra.

Il profumo del mare inonda i vicoletti. Lo stesso mare che un tempo era protetto da una torre di difesa: oggi inglobata nelle strutture abitative, è comunque ben visibile dal lungomare.

 

2. Elviscot

Forse questa è la più famosa delle immersioni all’Elba. Sicuramente è tra le più belle. Ed è solo uno dei tanti segreti serbati dal mare che circonda l’isola.

L’Elviscot è un cargo italiano un cargo italiano del peso di cinquecento tonnellate che naufragò nel 1972 contro lo scoglio dell’Ogliera, di fronte a Pomonte. L’immersione è abbastanza semplice e adatta a tutti i diver. È anche possibile entrare all’interno del relitto.

 

3. Romitorio di San Francesco di Saverio

Gli eremi dell’isola d’Elba furono costruiti a partire del Medioevo come ultimo rifugio contro le incursioni dei pirati. Oggi rappresentano tanti itinerari molto apprezzati dagli appassionati di trekking. Il romitorio di San Francesco di Saverio è uno dei meno conosciuti.

Il romitorio, costruito tra il XVI e XVII secolo e intitolato a San Francesco di Saverio (un missionario spagnolo che attraversò Giappone, India e Malesia), è un piccolo luogo spirituale di cui restano solo pochi elementi, come l’altare in muratura. Lo si può raggiungere imboccando un sentiero di cinquecento metri che da Campo nell’Elba va verso il monte Perone.

 

4. Villa romana di Capo Castello

È meno famosa della villa romana delle Grotte ma non meno importante. Si trovava a Cavo, nel comune di Rio Marina. Dà il nome al piccolo promontorio che separa la spiaggia del Frugoso da cala delle Alghe. La villa, con molta probabilità costruita tra il I secolo a.C. e la metà del I sec. d.C., si trova in una posizione panoramica semplicemente invidiabile.

L’edificio doveva essere molto ampio e realizzato in opus reticulatum. Le parti più belle erano l’ampio giardino (che circondava la villa su tre lati) e il nucleo della casa signorile, con i pavimenti a mosaico.

 

5. Il lavatoio pubblico di Rio nell’Elba

L’ultimo di questi 5 posti da scoprire dell’isola d’Elba è il lavatoio pubblico di Rio nell’Elba. Si trova nella parte nordorientale del paese ed è alimentato dalla vicina fonte dei Canali. Di origini molto antiche, nel 1873 era composto da diciotto vasche, mentre negli anni ’60 fu ridotto a due vasche grandi.

Il lavatoio pubblico, per decenni, è stato il luogo di socializzazione delle donne elbane che qui si radunavano per fare il bucato. Al lavatoio si fermavano anche i minatori, per lavarsi prima di rientrare a casa dal lavoro.

 

Questi 5 diversi itinerari sono pensati per accontentare un po’ tutti i visitatori, dagli escursionisti agli appassionati di immersioni. Non vi resta che scegliere.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/36381187@N02

Articoli correlati