Grande traversata elbana: a piedi attraverso l’isola d’Elba

Grande traversata elbanaPer gli appassionati di trekking, l’isola d’Elba riserva sentieri e itinerari che li porteranno attraverso la sua natura, e a scoprire i numerosi quanto suggestivi centri abitati che sorgono sul suo territorio. E tra i tanti percorsi ce n’è uno che con il tempo è diventato tra i più celebri, una sorta di tappa obbligata per tutti coloro che praticano questo sport: stiamo parlando della Grande traversata elbana.

La Grande traversata elbana è un percorso di trekking che, letteralmente, attraversa tutta l’isola d’Elba da est a ovest, partendo da Cavo sulla costa orientale e arrivando a Pomonte sulla costa occidentale. Complessivamente è un percorso che richiede non meno di ventidue ore di cammino, per un totale di circa 72 chilometri da percorrere.

Proprio per la sua lunghezza, è consigliabile percorrere la Grande traversata elbana in più giorni. In particolare il percorso può essere diviso in quattro tappe:

– da Cavo a Porto Azzurro (17,6 km);

– da Porto Azzurro a Marina di Campo (15,5 km);

– da Marina di Campo a Poggio (19,8 km);

– da Poggio a Pomonte (19,5 km).

A ogni tappa potrebbe essere dedicata una giornata, sono tutte ottimamente segnalate, e il tempo di percorrenza per ognuna di esse è di circa 7-8 ore. Un percorso molto lungo ma anche molto vario che porterà il visitatore ad ammirare i tanti panorami dell’isola d’Elba, dai monti alle spiagge, passando per alcuni caratteristici centri abitati.

Bisogna però considerare che il percorso è impegnativo, e che le distanze tra le varie tappe sono significative. Quindi prima di cimentarsi nella Grande traversata dell’isola d’Elba bisogna:

– valutare con attenzione il proprio stato fisico;

– tenere sempre presenti le regole dettate dal buon senso e dalla prudenza;

– dotarsi di una buona scorta d’acqua, in quanto per tratti anche lunghi si attraversano zone disabitate;

– essere sempre muniti di una cartina (anche se i percorsi sono segnalati);

– essere forniti di tutta l’attrezzatura necessaria, del vestiario adatto, di un cappello e di un paio di occhiali da sole (specialmente nel periodo estivo);

– valutare le condizioni meteorologiche prima di partire;

– il massiccio del Monte Capanne in inverno può essere coperto di neve, mentre in estate riserva poche risorse idriche.

I punti di arrivo e di partenza delle varie tappe sono sempre dei centri abitati dell’isola d’Elba, e qui andrebbero trovate soluzioni per il pernottamento. Inoltre, e specialmente in estate, lungo il percorso della Grande traversata elbana passano autobus con buona frequenza.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/mctraba

Articoli correlati