Escursione nella storia e nella cultura: gli eremi dell’isola d’Elba

scoprire gli eremi dell'isola d'Elba

Sono tante le soluzioni a disposizione del visitatore per scoprire l’isola d’Elba a piedi, come la grande traversata elbana, il Monte Capanne a piedi, i sentieri per il trekking all’isola d’Elba. Ma per compiere davvero un viaggio nella storia e nella cultura di questa meta c’è anche un’altra possibilità, rappresentata dagli eremi dell’isola d’Elba.

Molti dei quali risalgono al periodo immediatamente successivo alla caduta dell’impero romano. Le coste dell’isola d’Elba divennero poco sicure, la popolazione diminuì, interi paesi si spostarono nelle zone montuose, più difficili da raggiungere. E nei luoghi più appartati nacquero delle piccole comunità di monaci, le cui residenze oggi rappresentano gli eremi dell’isola d’Elba.

 

Romitorio di San Cerbone

Questo può essere considerato il più antico e celebre tra i diversi eremi dell’isola d’Elba. Vuole la leggenda che qui si sia rifugiato nel 572 il santo vescovo di Populonia mentre fuggiva dai Longobardi. Il romitorio si trova sui monti dell’omonima località, tra Poggio e Marciana.

 

Santuario della Madonna del Monte

Si trova nei pressi di Marciana, celato in un fitto bosco di castagni. Originariamente costruito tra il XIV e il XV secolo con grandi blocchi di granito, fu poi ricostruito nel Cinquecento. Al suo interno è conservata una Madonna del XV secolo.

 

Santuario della Madonna delle Grazie

Eretto nel Cinquecento nei pressi di Capoliveri, il santuario ha pianta a croce latina, una cupoletta ricoperta a squame, e la cuspide del campanile presenta elementi orientaleggianti. Secondo la leggenda fu costruito dagli eremiti al seguito di Mamiliano.

 

Santuario della Madonna della Neve

Si trova a Lacona. Più volte rimaneggiato tra il XVII e il XX secolo, fu costruito nel Cinquecento su una preesistente struttura romanica.

 

Santuario della Madonna del Monserrato

Fu il governatore di Longone José Pons y Léon a voler erigere il santuario, in modo che ricordasse l’omonimo santuario di Catalogna. Con una semplice cupoletta intonacata, al suo interno è conservata una preziosa Madonna Nera.

 

Santuario di Santa Caterina d’Alessandria

Probabilmente risalente al Cinquecento.

 

Questi gli eremi dell’isola d’Elba, e i percorsi per raggiungerli sono indicati partendo dai paesi in cui si trovano.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/gaetanoporcaro

Articoli correlati