Le chiese di Portoferraio: 7 tappe tra arte, devozione e tradizione

chiese di Portoferraio

 

Portoferraio è il principale centro abitato dell’isola d’Elba. Dove le cose da vedere sono tante. Così come tante sono le testimonianze della devozione e delle tradizioni dei suoi abitanti. Un aspetto suggestivo da scoprire con un itinerario molto particolare che combina arte, fede e storia: quello delle sette chiese.

  1. Propositura della Natività di Maria. Si trova in piazza della Repubblica, a Portoferraio. La parte più bella e rappresentativa di questo edificio è senz’altro l’altare settecentesco dedicato alla Madonna del Buon Viaggio: è un evidente richiamo alla vocazione marinara dell’isola d’Elba.
  2. Chiesa di San Cristino. È anche conosciuta come chiesa di San Crispino o chiesa della Misericordia. I tanti nomi sono dovuti, rispettivamente: alle reliquie di san Cristino, custodite all’interno della chiesa; all’altare marmoreo con la tela della Madonna della Misericordia, risalente al Settecento.
  3. Chiesa di San Marco alle Grotte. Si trova in località Le Grotte, a Portoferraio (dove, tra l’altro, ci sono anche i resti di un’antica villa romana). Edificata nel 1619 in memoria di uno scontro con i Turchi, il vero fulcro di questo edificio è la pala d’altare che raffigura l’Evangelista.
  4. Chiesa di Santo Stefano alle Trane. In località Magazzini, si tratta di una delle più preziose chiese romaniche dell’isola d’Elba ed è ancora oggi usata come luogo di culto. Piccole teste, animali, fiori e decorazioni vegetali adornano la struttura della chiesa.
  5. Cappella dell’Annunziata. Una piccola costruzione dalla forma esagonale che un tempo era la cappella dell’antico cimitero di Portoferraio.
  6. Chiesa del Santissimo Sacramento. Costruita nel 1551, si tratta di una delle chiese più antiche di Portoferraio. A una sola navata, al centro del soffitto spicca l’Incoronazione di Maria attribuita a Giovanni Camillo Sagrestani. Sull’altare maggiore, marmi policromi e stucchi adornano la pala dell’Assunta.
  7. Chiesa di San Rocco. Un tempo, aveva annesso un piccolo cimitero riservato ai morti di peste e ai giustiziati non ammessi all’interno della città. Oggi, in questa piccola chiesetta dalla facciata bianca si trova un altare marmoreo con una statua di San Rocco.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/mariejirousek

Articoli correlati